1

traffico foto

PIEMONTE - 30-12-2020 -- Su base volontaria i proprietari di auto piemontesi potranno installare sul proprio veicolo una apparecchiatura automatica (una sorta di ‘scatola nera’) che monitorerà a distanza i chilometri percorsi e lo stile di guida.

Le nuove disposizioni approvate il 29 deicembre dal Consiglio regionale, infatti, si occupano in maniera particolare del monitoraggio della circolazione dei veicoli in relazione al loro potenziale inquinante: con 27 voti a favore della maggioranza, il Consiglio regionale riunito in videoconferenza con la presidenza di Stefano Allasia, ha dato il via libera alla nuova legge in materia di inquinamento atmosferico che modifica la legge 43 del 2000 “Disposizioni per la tutela dell'ambiente in materia di inquinamento atmosferico. Prima attuazione del Piano regionale per il risanamento e la tutela della qualità dell'aria”.


“Si tratta di una misura per la qualità dell’aria che va ad aggiungersi alle altre già adottate dalla Regione – afferma l’assessore regionale all’Ambiente, Matteo Marnati – anche per superare la logica delle deroghe ai divieti di circolazione che sono in vigore da ottobre a marzo; l’obiettivo, con Move-in, è quello di superare l’attuale sistema di deroghe perché chi deciderà di installare il sistema  verrà limitato nell’utilizzo del proprio veicolo in base all’effettivo potenziale inquinante, in quanto gli verrà concessa una determinata quantità di chilometri percorribili, spalmata su tutti i giorni dell’anno, 24 ore su 24, calcolata tenendo conto delle caratteristiche del veicolo e del conseguente limite di utilizzo nelle zone soggette a limitazione della circolazione”.   “E’ una misura che va nella direzione della salvaguardia e del miglioramento della qualità dell’aria – ha aggiunto – Inoltre con i progetti che abbiamo presentato a valere sul Recovery Fund, 2 miliardi e mezzo di euro sul capitolo qualità dell’aria, agiremo per ridurre in modo definitivo gli inquinanti”. “In Piemonte – ha concluso – la prima causa del Pm10 è la combustione da biomassa, non il traffico”.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.