1

michele mosca

 

BIELLA 25-10-2019 "La nuova segreteria provinciale del Pd

 

che ha assunto una posizione polemica rispetto ad un ordine del giorno presentato dalla minoranza in Consiglio Regionale tendente ad aumentare le borse di studio di specializzazione post laurea, si è dimenticata che quando erano loro maggioranza, per l’intera legislatura ne avevano finanziate appena 10 l’anno - spiega il consigliere regionale della Lega Michele Mosca -. Il tentativo di scaricare la colpa sulla giunta Cota e sul piano di rientro a cui era sottoposto il Piemonte appare poi puerile, poiché è bene ricordare che se la nostra regione ha avuto difficoltà finanziarie in tema sanitario è a causa della mala gestione della giunta Bresso. Quello che abbiamo bocciato in Consiglio Regionale non è che un maldestro e pretestuoso tentativo di Pd e M5S di intestarsi un grande risultato della nostra Amministrazione grazie all’ottimo lavoro dell’assessore Icardi, che in pochi mesi di attività è riuscito ad ottenere dal Ministero 129 borse di studio in più rispetto all’anno scorso, più le 15 finanziate quest’anno direttamente dalla Regione e le nuove 35 dai privati. In totale 169 borse in più rispetto allo scorso anno: un record, un risultato mai visto prima che continueremo ad incrementare fino a raggiungere il fabbisogno del Piemonte. Gli stessi Giovani Medici Piemontesi, riunitisi in delegazione con delega da parte dell’Ordine dei Medici di Biella, su mia richiesta sono stati auditi in Commissione Salute e affari sociali di cui faccio parte presentando uno studio su queste problematiche che immediatamente è stato oggetto di attenzione da parte del Presidente Stecco e dell’Assessore Icardi, a cui va il mio personale ringraziamento. Gli stessi neo laureati, in una nota alla luce dei risultati summenzionati, hanno avuto modo di esprimere
apprezzamento per il cambio di trend registrato".

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.