1

Ciaspole1

TORINO - 19-01-2021 - Marco Bussone e Roberto Colombero, rispettivamente presidente nazionale e regionale di Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani) chiedono chiarimenti sulla pratica degli sport sulla neve dal momento in cui l'ultimo DPCM prevede la possibilità di spostarsi nelle seconde case, anche fuori regione.
"La possibilità di raggiungere le 'seconde case', tutte le abitazioni, anche fuori dalla propria regione, è un segnale di apertura positivo nell'ultimo DPCM con le misure in vigore da domenica - scrivono - . Ma ora occorre sancire in modo definitivo che le attività sportive amatoriali sulla neve, in particolare ciaspole e scialpinismo, passeggiate e gite, si possono svolgere raggiungendo tutte le località montane. Deve essere possibile fare un'escursione piuttosto che una gita sugli sci, distanziati. Il DPCM, come i precedenti, prevede che ci si possa spostare per 'svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili nel proprio Comune'. Le attività sportive sono tra queste attività ma occorre un chiarimento urgente e preciso, che agevoli tutti, comprese le forze dell'ordine. Consentire di raggiungere località montane per svolgere attività sportiva amatoriale individuale non alimenta il contagio. Spostarsi verso il Terminillo o la Val Brembana, verso la Carnia o nei Monti Lattari deve essere consentito. Ciaspolate e sci alpinismo non si possono certo fare in centro a Napoli o a Bergamo. Dunque le attività sportive devono essere permesse fuori dal proprio Comune e il Governo deve fare chiarezza nelle FAQ sul sito, come anche auspicato dal CAI".


 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.