1

 

ospedale letti

BIELLA 01-04-2021 Lo studio, approvato dal comitato etico di quadrante, è stato condotto dalla Dott.ssa Manuela Mazza, Dirigente Medico Referente della Terapia Antalgica, Servizio ambulatoriale afferente alla SC Anestesia e Rianimazione,  e analizza l'efficacia della Cannabis terapeutica su dolore, disabilità, ansia e depressione e gli effetti collaterali in una popolazione di pazienti resistenti alle terapie tradizionali seguiti presso l'ambulatorio di Terapia del dolore. Journal of Cannabis Research è una rivista internazionale open access con peer-reviewing che si occupa di pubblicazioni inerenti la Cannabis terapeutica. La rivista è una pubblicazione ufficiale dell'Institute of Cannabis Research presso la Colorado State University-Pueblo. ​Da Febbraio 2016, in Regione Piemonte, è possibile utilizzare la cannabis terapeutica a carico del SSN in alcune patologie tra le quali il dolore cronico non responsivo alla terapia farmacologica convenzionale, come nel caso di alcuni pazienti affetti da Fibromialgia. La Fibromialgia è una malattia caratterizzata da dolore diffuso muscoloscheletrico, stanchezza, disturbo del sonno e altri sintomi somatici tra i quali deflessione dell'umore. L'eziologia è ancora ignota e si è evidenziata una predisposizione genetica. L'incidenza è intorno al 3% e colpisce prevalentemente le donne tra i 40 e 60 anni. Le terapie convenzionali a base di antidepressivi, antiepilettici, miorilassanti e oppioidi deboli non sono sempre efficaci nell'alleviare i sintomi di queste pazienti. Lo studio "Medical cannabis for the treatment of fibromyalgia sindrome: a retrospective, open-label case series" pubblicato sul Journal of Cannabis Research a Febbraio 2021, è uno studio retrospettivo e aveva l'obiettivo di verificare l'efficacia della cannabis terapeutica sul dolore, sulla disabilità, su ansia e depressione e sulla gravità dei sintomi in una popolazione di 38 pazienti con sindrome fibromialgica resistente ai trattamenti convenzionali trattati presso l'ambulatorio di terapia antalgica dell'ASLBI da Giugno 2016 a Ottobre 2018. I parametri di studio sono stati valutati a 1, 3 e 12 mesi. Il 51,4% dei pazienti trattati ha avuto beneficio con il trattamento con cannabis terapeutica senza effetti collaterali importanti in termini di dolore, disabilità e severità dei sintomi da fibromialgia (p < 0,01).  Gli effetti collaterali più comuni sono stati la confusione mentale (37%), vertigini (14%), nausea/vomito (14%) e agitazione (14%) che si sono risolti nei pazienti che hanno continuato ad assumere la terapia per almeno 3 mesi.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.